Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Inasprite le pene per i reati conto la PA, ecco cosa si rischia adesso

Inasprite le pene per i reati conto la PA, ecco cosa si rischia adesso
Inasprite le pene per i reati conto la PA, ecco cosa si rischia adesso Nel 2015 le pene per i reati contro la Pubblica Amministrazione si sono inasprite notevolmente perché è stata approvata definitivamente una nuova legge varata dal Governo Renzi.

Il decreto va a colpire duramente i delitti di associazione mafiosa e falso in bilancio, che è tornato ad essere un reato punibile.

Con la legge n. 69 del 27 maggio 2015 è stato riformato l'articolo 2621 del Codice Civile che tratta del reato di false comunicazioni sociali.

Dalla contravvenzione economica il reato adesso è diventato delitto e prevede la reclusione da uno a cinque anni invece che fino a due anni come prevedeva l'articolo 2621.

È stato anche eliminato il seguente punto relativo alle valutazioni estimative: "In ogni caso il fatto non è punibile se conseguenza di valutazioni estimative che, singolarmente considerate, differiscono in misura non superiore al 10 per cento da quella corretta".

Le comunicazioni false devono essere rilevanti ed esposte in maniera consapevole e la condotta assunta dal reo deve essere tale da indurre altri a commettere lo stesso delitto.
 
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
L’inasprimento dei reati contro la Pubblica Amministrazione rientra nel piano per ridurre il divario esistente tra l'Italia le altre nazioni europee, che sono all'avanguardia rispetto al nostro paese in materia di anticorruzione.

La pena massima prevista per il reato di peculato passa da quattro a dieci anni e sei mesi, la corruzione in atti giudiziari da sei a dodici anni e può essere estesa sino a vent'anni nei casi più gravi.

Gli anni di carcere previsti per il reato di corruzione impropria passano da uno a sei anni e quelli per corruzione propria da sei a dieci anni.

Le sanzioni riguardanti la concussione non sono cambiate, però il reato è stato esteso anche all'incaricato di pubblico servizio.

Il nuovo Decreto Legge varato dal Governo prevede anche l'aumento delle pene per il reato di induzione indebita, la reclusione passa da sei a dieci anni e sei mesi.
avvocati in evidenza specializzati in Reati contro la Pubblica Amministrazione
La nuova legge prevede un forte aumento delle pene per i reati verso la Pubblica Amministrazione, ma anche una riduzione delle stesse per i collaboratori di giustizia e i pentiti.

Il disegno di legge vuole colpire anche e soprattutto le associazioni mafiose, modificando sensibilmente le norme già rivedute nella legge numero 190 del 6 novembre 2012 trattante le "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella Pubblica Amministrazione".

Sono stati introdotti nel decreto anche obblighi di trasparenza amministrativa e verifiche sull'efficienza o non efficienza degli uffici.

È previsto un controllo più oculato sull'utilizzo delle risorse pubbliche e verrà data particolare attenzione alla prevenzione, volta ad impedire che la corruzione penetri dentro la Pubblica Amministrazione. Richiedi una consulenza legale ad uno degli avvocati specializzati presenti sul portale.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Reati contro la Pubblica Amministrazione
ANTONELLO VIOLA
Studio Masotta Viola
Avvocato - ROMA
EA Ranking:
Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online mezza stella Avvocato online senza stella
ANDREA MATTEA
MATTEA
Avvocato - TORINO
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.