Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Il cane che urina contro il palazzo antico deturpa il patrimonio pubblico.

Il cane che urina contro il palazzo antico deturpa il patrimonio pubblico
Il cane che urina contro il palazzo antico deturpa il patrimonio pubblico Il deturpamento e imbrattamento di cose altrui è un reato contro il patrimonio che è disciplinato dall'articolo 639 del Codice Penale: "Chiunque, fuori dei casi preveduti dall'articolo 635, deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a centotre euro".

"Se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblici o privati si applica la pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 300 a 1.000 euro".

"Se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico, si applica la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da 1.000 a 3.000 euro".

"Nei casi di recidiva per le ipotesi di cui al secondo comma si applica la pena della reclusione da tre mesi a due anni e della multa fino a 10.000 euro. Nei casi previsti dal secondo comma si procede d'ufficio".
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
È l'avvocato penalista che si deve occupare di questo genere di reati ed è quanto è avvenuto a Firenze in una recente sentenza della Corte di Cassazione.

Il proprietario di un cane ha fatto i propri bisogni sul muro di un antico palazzo gentilizio fiorentino storico, il palagio Rosselli-Del Turco costruito nel 1260 e protetto dalle Belle Arti come bene architettonico.

I proprietari del palazzo hanno denunciato il padrone del cane di deturpamento e imbrattamento. L'uomo è stato condannato in primo grado e assolto in appello, perché era munito di una bottiglietta d'acqua con la quale ha pulito l'urina del cane subito dopo che questi l'aveva fatta contro il muro.

Nella sentenza è spiegato che in questo modo il proprietario del cane si è preoccupato di minimizzare i danni, pertanto non sussiste il reato di dolo.

Nella sentenza si legge anche che "è un dato di comune esperienza che il condurre un cane sulla pubblica via apre la concreta possibilità che l'animale possa imbrattare con l'urina o con le feci beni di proprietà pubblica o privata".
avvocati in evidenza specializzati in Reati contro il Patrimonio
Inoltre non è possibile impedire all'animale di fare i propri bisogni quando ne sente la necessità. "Il momento in cui lo stesso decide di espletare i propri bisogni è talvolta difficilmente prevedibile trattandosi di un istinto non altrimenti orientabile e, comunque, non altrimenti sopprimibile mediante il compimento di azioni verso l'animale che si porrebbero al confine del maltrattamento nei confronti dello stesso".

Non essendo possibile costringere i cani a fare i bisogni in luoghi diversi dalla pubblica strada e non essendoci sempre luoghi appositi predisposti all'uopo, gli ermellini hanno concluso che l'unica cosa da fare sia "quella di agire al fine di ridurre il più possibile il rischio che questi (i cani) possano lordare i beni di proprietà di terzi, quali i muri di affaccio degli stabili o i mezzi di locomozione ivi parcheggiati".

Il proprietario del cane essendo munito di una bottiglietta d'acqua con la quale ha pulito il danno fatto sull'antico palazzo, è stato assolto dal reato di deturpamento e imbrattamento ed anche risarcito di 1000 euro di spese processuali.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Reati contro il Patrimonio
Laura Mezzena
Studio legale Mezzena
Avvocato - MILANO
EA Ranking:
Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online mezza stella Avvocato online senza stella
BARBARA COSTANTINI
studio Costantini
Avvocato - ROMA
EA Ranking:
Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online mezza stella
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.