Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Equitalia può bloccare il conto corrente

Equitalia può bloccare il conto corrente
Equitalia può bloccare il conto corrente Secondo la legge Equitalia può rivalersi presso terzi e pignorare l'intero conto corrente del contribuente inadempiente.

Nel lontano 2011 il governo Monti varò il decreto Salva Italia e tra le decisioni stabilite c’è stato il divieto di pagare in contanti somme superiori a 1000 euro; di conseguenza lavoratori e pensionati sono stati costretti ad aprire conti correnti per ricevere i soldi.

Ultimamente sono sorte molte polemiche riguardo al fatto che Equitalia potrebbe pignorare e bloccare il conto corrente di un contribuente inadempiente.

Questa norma potrebbe avere effetti spaventosi ed è stato lo stesso ex direttore di Equitalia Attilio Befera che ha chiesto in Parlamento di intervenire per modificare la legge.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
La legge prevede che se il pignoramento degli stipendi o delle pensioni viene fatto presso un datore di lavoro o un ente previdenziale vi siano dei limiti.

I limiti sono un decimo nel caso di stipendi e pensioni fino a 2500 euro, un settimo tra 2500 e 5000 euro mensili percepiti e sopra i 5000 euro la cifra massima pignorabile è pari ad un quinto.

Se stipendi e pensioni sono in banca questo non può accadere e il pignoramento può riguardare l'intera somma.

I contribuenti potrebbero vedersi bloccare il conto corrente da un meccanismo che per il momento non ha provocato conseguenze.

Certamente lo strapotere di Equitalia non va giù alla maggior parte dei cittadini, tant'è vero che si sta parlando sempre più insistentemente di una sua abolizione e dell'assorbimento dell'ente di riscossione da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Secondo la legge, l'agenzia di recupero crediti può pignorare l'intero conto corrente dopo 60 giorni dall'avvenuta notifica della cartella di pagamento.
avvocati in evidenza specializzati in Equitalia
Questo naturalmente solo in teoria, perché i tempi si dilatano sempre molto, però la legge è chiara: nel caso di mancanza di pagamento dopo 60 giorni il contribuente potrebbe vedersi bloccare il proprio conto corrente.

La procedura inizia con la notifica dell'atto al debitore e alla banca, oppure può avvenire senza passare dal tribunale e partire da un ordine di Equitalia direttamente alla banca o alla posta dove il contribuente ha il conto.

Equitalia può andare direttamente alla fonte secondo la norma in cui la procedura esattoriale prevede pignoramento presso terzi.

Equitalia può ordinare direttamente al terzo, cioè la banca o la posta, di pagare il credito, pena il blocco del conto.

Si tratta di uno dei tanti soprusi da parte di Equitalia che i cittadini non sono più disposti a tollerare, tanto che l'ente creditizio dovrebbe sparire entro il 2018.

È stato lo stesso presidente del Consiglio Matteo Renzi a darne l'annuncio il 16 maggio scorso.

Quando è iniziato l'iter della proposta di legge in Senato, il presidente del Consiglio ha dichiarato che il governo sta studiando la maniera di attuare l'assorbimento di Equitalia da parte dell'Agenzia delle Entrate, ma la legge è ancora in alto mare.

Chiedi una consulenza legale ad uno dei nostri avvocati esperti.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Equitalia
BARBARA COSTANTINI
studio Costantini
Avvocato - ROMA
EA Ranking:
Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online mezza stella
ANTONELLO VIOLA
Studio Masotta Viola
Avvocato - ROMA
EA Ranking:
Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online mezza stella Avvocato online senza stella
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.