Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Equitalia, le cartelle nulle dei falsi dirigenti: come fare a controllarle

Equitalia, le cartelle nulle dei falsi dirigenti: come fare a controllare
Equitalia, le cartelle nulle dei falsi dirigenti: come fare a controllare Lo scandalo dei falsi dirigenti dell'Agenzia delle Entrate scoppiato qualche tempo fa ha sollevato numerose polemiche in merito dalla validità o meno degli accertamenti fiscali e delle cartelle esattoriali emesse da Equitalia.

Una sentenza del 2013 ha dichiarato illegittime le nomine a dirigenti di 892 funzionari dell'Agenzia delle Entrate, elevati a tale ruolo senza aver sostenuto un regolare pubblico concorso.

Nel corso degli anni i falsi dirigenti, oltre ad avere percepito indennità dirigenziale senza averne titolo, hanno emesso centinaia di atti fiscali notificati ai contribuenti da Equitalia che non hanno nessun valore.

All'epoca la legge è stata chiara: chiunque accede a una posizione dirigenziale deve farlo tramite concorso pubblico e non con una legge sanatoria o una nomina interna.

Gli atti firmati dai funzionari elevati illecitamente al rango di dirigenti sarebbero dunque tutti nulli.
 
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
Si parla naturalmente solo delle notifiche di Equitalia riguardanti l'Agenzia delle Entrate e non di altre imposte o contravvenzioni.

L'inizio della vicenda risale al novembre 2013, quando la IV sezione del Consiglio di Stato sollevava la questione di legittimità della legge 44 del 26 aprile 2012, che aveva permesso a 892 funzionari dell'Agenzia delle Entrate di svolgere incarichi dirigenziali senza averne la relativa qualifica.

L'elenco dei falsi dirigenti è stato trasmesso alla Corte Costituzionale, la quale ha fatto subito decadere il loro incarico perché nessuno aveva sostenuto un concorso pubblico come previsto dagli articoli 3, 51 e 97 della Costituzione.

Alla fine di marzo 2015 è arrivata la prima storica sentenza che ha dichiarato nulla una cartella esattoriale firmata dai dirigenti abusivi.
avvocati in evidenza specializzati in Equitalia
Nonostante la difesa del reparto affari legali e contenzioso dell'Agenzia delle Entrate, che ha sempre sostenuto che l'illegittimità non produce effetti sugli atti firmati dal personale incaricato alle funzioni dirigenziali, di fatto gli accertamenti fiscali e le cartelle di Equitalia firmate dagli dirigenti sollevati dall’incarico non sono validi.

Secondo il principio legale per cui la nullità non può essere mai sanata, c'è la possibilità di far ricorso sia per chi abbia ricevuto una cartella Equitalia firmata dai dirigenti finti, sia per chi ha già fatto ricorso in passato anche se sono passati più di 60 giorni dalla notifica dell'agente della riscossione.

Controllare se la propria cartella di Equitalia contiene un atto dell'Agenzia delle Entrate firmato da un dirigente fasullo e pertanto impugnabile, è semplice.

Su Internet sono presenti gli elenchi dei dirigenti che sono stati rimossi dall'incarico, basta vedere se chi ha firmato l'atto sulla cartella è presente in questi elenchi che si può fare ricorso con buone probabilità di vincerlo.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Equitalia
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.