Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

L’avvocato online spiega: la convivenza more uxorio. I diritti del convivente sull’abitazione familiare. Chiedi una consulenza all’avvocato

L’avvocato online spiega: i diritti del convivente sull’abitazione familiare.
L’avvocato online spiega: i diritti del convivente sull’abitazione familiare. In questo articolo introduciamo una tematica molto sentita: in caso l’utente voglia maggiori informazioni o richiedere un preventivo all’avvocato gratis, lo può fare tramite il nostro portale.

Oltre ad ottenere un parere legale da parte di uno studio legale (o più studi legali) l’utente potrà conoscere inoltre degli onorari di massima dell’avvocato.

Veniamo quindi all’argomento. L'art. 2 D.p.r. n. 136 del 31.01.1958 considera famiglia anagrafica non solo quella fondata sul matrimonio e legata da rapporti di parentela, affinità, affiliazione ed adozione ma, ogni altro nucleo che si fonda su legami affettivi, caratterizzato dalla convivenza e dalla comunione di tutto o parte del reddito dei componenti per soddisfare le esigenze comuni, quindi anche la famiglia di fatto.

La convivenza more uxorio è tuttavia una semplice istituzione sociale costituita dalla comunità di vita, dalla stabilità nel tempo della relazione e - a differenza del matrimonio - dall’assenza di un’obbligazione giuridica fonte dell’unione.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
Con sentenza n. 166/1998, la Corte Costituzionale ha statuito, nell’interesse della prole, che in presenza di figli la casa familiare debba essere assegnata al genitore affidatario indipendentemente dalla proprietà in capo all’uno o all’altro convivente.

Un’ulteriore sentenza della stessa Corte, questa volta in merito alla locazione, ha invece riconosciuto il diritto di succedere nella locazione, sempre in presenza di figli naturali, sia quando sia cessata la relazione e il partner conduttore dell’immobile si sia volontariamente allontanato, sia in caso di decesso.

Tanto premesso, non è invece riconosciuto dall’attuale normativa alcun assegno di mantenimento, a causa dell’assenza di una convivenza “giuridica” ovvero fondata sul matrimonio quale fonte di obbligazioni reciproche.

Né potrà il convivente ottenere una quota dell’eredità del de cuius, se non tramite un espresso lascito testamentario e fatta sempre salva la legittima degli aventi diritto.

Il convivente more uxorio è inoltre tenuto solidalmente responsabile per il pagamento delle imposte del compagno.
avvocati in evidenza specializzati in Separazione / Divorzio
TIZIANA SGOBBO
TIZIANA SGOBBO
Avvocato - ROMA
EA Ranking:
Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online stella piena Avvocato online mezza stella Avvocato online senza stella
A fronte di tali significative restrizioni, per la tutela che il nostro ordinamento attribuisce comunque alla maternità, o più in particolare come si è visto alla prole, sono utilizzabili anche dalle conviventi more uxorio le tutele e agevolazioni previste dagli enti locali per le lavoratrici madri o per le madri disoccupate.

Per maggiori informazioni, o eventualmente per richiedere un preventivo a un avvocato, si può contattare un avvocato a Milano o nella propria città di residenza.

In ogni caso è possibile, chiedendo preventivamente una stima dei compensi e delle tariffedegli avvocati , richiedere assistenza a un avvocato o studio legale per regolamentare, preventivamente e di comune accordo, tanto i rapporti patrimoniali quanto l’assegnazione dell’abitazione familiare per il caso di interruzione della relazione.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Separazione / Divorzio
Articoli per Diritto di Famiglia
Ti potrebbe interessare anche...
L’istanza di divorzio breve: le novità e il testo della legge. Chiedi un preventivo gratuito all’avvocato per vincere la causa
L’assegnazione della casa coniugale è un criterio sociale per i coniugi non abbienti. Verifica i tuoi requisiti on line.
L’avvocato online spiega: separazione e divorzio “facili” con la Legge 162/2014. Come procedere.
La separazione di fatto: in cosa consiste e quali possono essere gli esiti legali
Separazione non consensuale. Come procedere in caso il coniuge non voglia separarsi?
La specialità del procedimento di divorzio: modalità per presentare istanza
Il rifiuto di rapporti sessuali e l’addebito nell’istanza di separazione
Divorzio veloce in Comune con 16 euro o all’estero senza separazione
Pro e contro di matrimonio e convivenza in attesa della legge sulle unioni civili
Gli accordi prematrimoniali in Italia valgono come scritture private
Se ci sono troppe spese l’assegno di mantenimento all’ex non è dovuto.
Separazione consensuale, giudiziale e per colpa
Il cattivo odore giustifica il rifiuto di rapporti intimi
Gli effetti legali e patrimoniali dello scioglimento del matrimonio
L'affidamento e i diritti dei figli dopo la separazione
Si lasciano e lui rivuole i regali, ma ottiene “solo” un quadro da 600mila euro
Svuota la casa dell’ex ma non è punibile
Anche il tradimento a distanza comporta le spese di separazione
Risarcimento danni da tradimento se ha leso la salute
Addio all’assegno di mantenimento legato al tenore di vita
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.