Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

L’avvocato specializzato spiega: la nuova condizione di figlio e le adozioni in casi particolari

Status di figlio anche agli adottati in casi particolari
Status di figlio anche agli adottati in casi particolari Lo spunto per l’analisi in questo articolo deriva dalla modifica dell’articolo 74 del Codice Civile che, sottolinea l’avvocato esperto in minori e adozioni, ascrive anche ai minori adottati in casi particolari lo stato giuridico di figlio, e, di conseguenza, determina gli stessi esiti di consanguineità nei familiari che adottano. Questo ha rilevanti ripercussioni sugli aspetti giuridici legati al concetto di genitore adottivo e biologico.

Secondo l’articolo riformato, infatti, spiega l'avvocato, la consanguineità è il legame tra persone che appartengono alla stessa stirpe, sia nei casi in cui la discendenza avvenga all’interno che al di fuori dell’istituto matrimoniale, sia in presenza di un minore adottato. Il legame di parentela, ad ogni modo, non si determina in caso di adozione di maggiorenni.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
La novità della riforma dell’articolo, però, prosegue l’avvocato esperto in diritto di famiglia, risiede non nel distinguere per i maggiorenni adottati già oggetto di norme ad hoc, ma nell’estensione della condizione di figlio a tutte le filiazioni biologiche e a quelle adottive, comprese quelle avvenute casi particolari, ad eccezione delle adozioni dei maggiorenni.

Lo status di figlio minore in circostanza di abbandono va differenziato da quello dei maggiorenni adottati oltre che da quello dei minorenni adottati anche in assenza di circostanza di abbandono, ovvero nelle adozioni in casi particolari.

Questa fattispecie di adozioni rappresenta quasi un terzo di tutte quelle emesse in Italia e indica il procedimento che riguarda il minore orfano di entrambi i genitori e quello privo di una famiglia nota o idonea a provvedere alla sua crescita e al suo benessere psicofisico, ma non distingue la tutela dai vincoli parentali originari.
avvocati in evidenza specializzati in Minori / Adozioni
Dal momento che il nuovo articolo del Codice definisce gli esiti di parentela anche per i minori adottati in casi particolari, infatti, ne deriva che in caso di istanza di adozione avanzata dal nuovo coniuge della madre, la responsabilità del padre naturale sia solo sospesa e non decaduta in quanto viene meno la potestà del minore, ma non la partecipazione economica alla cura del figlio.

Perciò, in prima udienza, spiega l’avvocato, il padre naturale potrebbe essere obbligato al versamento di un mantenimento periodico in favore del figlio nel caso in cui la madre ed il genitore adottivo dimostrassero di non avere le risorse necessarie per il sostentamento del minore.

Questo orientamento normativo è ispirato alla tutela degli interessi del minore, sottolineano gli avvocati: quindi un genitore adottivo assiste surroga il genitore naturale la cui presenza non svanisce dallo status giuridico e personale del minore adottato, qualche volta fortunatamente nemmeno dalle sue relazioni affettive, ma la minore età determina sempre lo scopo principale di offrire al minore una famiglia adatta.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Minori / Adozioni
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.