Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Lo scioglimento della comunione legale ed altre conseguenze

Lo scioglimento della comunione legale ed altre conseguenze
Lo scioglimento della comunione legale ed altre conseguenze In materia di rapporti patrimoniali la separazione legale genera diversi e rilevanti effetti, sia per i coniugi che per i terzi che hanno rapporti giuridici con uno dei due o entrambi. Questo articolo affronta le conseguenze collegate allo scioglimento del regime di comunione legale una delle prime conseguenze della separazione, sia giudiziale che consensuale.

Sottolinea l’avvocato specializzato che lo scioglimento della comunione legale ha rilevanti ripercussioni ad esempio sulla garanzia reale a cui fanno riferimento i probabili creditori di ognuno dei due coniugi.

Un altro inesorabile aspetto da disciplinare, venendo meno della convivenza, è l’assegnazione della casa familiare. In assenza di prole la casa coniugale non può essere assegnata esclusivamente al marito o alla moglie, a meno che entrambi non si accordino sull’argomento in tal senso. In presenza di figli, invece, la norma del 2006 si propone di tutelare ancor più l’interesse della prole senza trascurare gli eventuali diritti di proprietà esclusiva di uno dei due coniugi.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
Nel caso in cui la casa sia di proprietà comune, si potrà presentare richiesta di divisione giudiziale dell'immobile, qualora sia di proprietà esclusiva l’abitazione rientra nell’ambito di disponibilità esclusiva del coniuge proprietario. Precisano gli avvocati esperti che, non essendo modificato lo status di coniuge, ciascuno avrà diritto a una parte della pensione di reversibilità e, ad eccezione della separazione giudiziale con addebito da sentenza definitiva, rimarrà titolare anche dei diritti successori in caso di sopraggiunta scomparsa del coniuge durante la fase transitoria del rapporto.

Per quanto riguarda la gestione dei rapporti economici tra i coniugi, spiegano gli avvocati specializzati, occorre fare un distinguo tra le due forme di separazione legale: in caso di separazione consensuale gli ex coniugi redigono personalmente un accordo da presentare all’autorità giudiziaria mediante l’omologazione.
avvocati in evidenza specializzati in Comunione / Separazione dei beni / Fondo patrimoniale
Tale accordo disciplina i loro reciproci rapporti patrimoniali e, soprattutto, regolamenterà la divisione di beni comuni, l'assegnazione ad uno dei beni di proprietà comune o esclusiva dell'altro coniuge e l’identificazione di un assegno di mantenimento a favore del coniuge svantaggiato.

Nel caso di separazione giudiziale, prosegue l’avvocato esperto, la conseguenza immediata è soprattutto lo scioglimento dell'eventuale regime di comunione legale, mentre i beni restano di proprietà comune oppure esclusiva dei coniugi, a seconda dei casi disciplinati dallo stesso Codice Civile.

Così i beni definiti personali e quelli il cui acquisto è stato precedente al matrimonio rimangono di proprietà esclusiva del coniuge titolare dell’acquisto. Alla stessa soluzione si giunge nei casi in cui  sia stato opzionato il regime di separazione legale dei beni all’atto delle nozze oppure in un qualunque momento successivo.

Richiedi una consulenza legale ad un avvocato esperto presente su questo portale.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Comunione / Separazione dei beni / Fondo patrimoniale
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.