Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Il fondo patrimoniale praticamente non esiste più

Il fondo patrimoniale praticamente non esiste più
Il fondo patrimoniale praticamente non esiste più Il fondo patrimoniale viene stipulato da un notaio e trascritto nell'atto di matrimonio per tutelare i beni di famiglia dal pignoramento.

Possono farlo le coppie sposate civilmente sia eterosessuali che omosessuali, però il fondo è inattaccabile solamente per le esigenze diverse dei bisogni della famiglia.

Una volta i beni iscritti nel fondo patrimoniale potevano essere pignorati solamente nel caso di debiti dovuti ai bisogni familiari, come il mancato pagamento delle tasse sugli immobili, invece oggi le cose sono cambiate.

Secondo una sentenza della Corte di Cassazione del febbraio 2016, il fondo non si può toccare solamente per le esigenze di divertimento come una vacanza oppure per degli investimenti finanziari sbagliati.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
Sembra quasi una presa in giro, perché con la crisi economica in atto sono ben poche le persone che si possono permettere di sprecare soldi in vacanze e/o beni voluttuari, per cui alla resa dei conti il fondo patrimoniale praticamente non esiste più.

La sentenza della sezione tributaria della Corte di Cassazione ha stabilito che il criterio per pignorare i beni del fondo non va ricercato nel debito, ma nella relazione tra il fatto che ha causato il debito e i bisogni della famiglia.

Il giudice ha stabilito che la prova possa essere trovata anche basandosi su criteri logici di esperienza, come stabilito dall'articolo 170 del codice civile:

«L'esecuzione sui beni del fondo e sui frutti di essi non può avere luogo per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia».
avvocati in evidenza specializzati in Comunione / Separazione dei beni / Fondo patrimoniale
«I beni oggetto del fondo patrimoniale non sottostanno alla regola generale di cui all'art. 2740 del c.c., secondo la quale il debitore risponde del debito con tutti i suoi beni presenti e futuri;

i debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia non saranno aggredibili. Il criterio identificativo di tali crediti risiede nella relazione tra il fatto generatore dell'obbligazione ed i bisogni della famiglia, ossia nell'inerenza degli stessi.

La disposizione di cui all'art. 46 n. 3 della legge fallimentare troverà applicazione anche con riferimento al fondo patrimoniale (termine sostituito, con la riforma del 2006, alla precedente formulazione del patrimonio familiare), come recentemente precisato dalla Cass. con sentenza n. 1112/2010»

Chiedi una consulenza legale ad uno dei nostri avvocati esperti.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Comunione / Separazione dei beni / Fondo patrimoniale
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.