Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Farmaci spariti dal mercato: gli avvocati specializzati spiegano

Farmaci spariti dal mercato: gli avvocati specializzati spiegano
Farmaci spariti dal mercato: gli avvocati specializzati spiegano Prima di arrabbiarsi e rivolgersi a un avvocato specializzato per intentare una causa all’azienda farmaceutica che ha tolto dal commercio un farmaco indispensabile alla nostra salute, cerchiamo di fare chiarezza sulla vita dei medicinali e su quello che dice la legge.

Come e quando nascono le medicine, quali sono le caratteristiche per poter essere immesse sul mercato, perché a volte spariscono e diventano indisponibili o dopo un po' di tempo ricompaiono sugli scaffali delle farmacie a prezzo maggiorato.

La vita di un farmaco comincia con la creazione della casa farmaceutica e finisce sullo scaffale della farmacia, sempre che abbia passato gli step previsti dalla legge per avere l'autorizzazione all'immissione in commercio.

Dopo aver superato con successo l’iter delle sperimentazioni cliniche, l’AIFA (agenzia italiana del farmaco) deve concedere l'autorizzazione alla vendita, che avviene rilasciata da esperti dell'Istituto Superiore della Sanità che, insieme ad un comitato tecnico scientifico, dichiareranno la validità o meno del prodotto.

Gli esperti devono dare un giudizio positivo su efficacia, sicurezza e non tossicità, dopodiché il medicinale può entrare in commercio e passare ai grossisti che riforniscono le farmacie del territorio nazionale.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
Il prezzo dei farmaci viene deciso tra le case farmaceutiche e lo Stato e quelli considerati di classe A sono erogati gratuitamente dal servizio sanitario nazionale perché vengono considerati essenziali.

Molte medicine spariscono misteriosamente dal mercato e questo mette a rischio la salute dei pazienti, specialmente nel caso in cui non vi sia una valida alternativa alla medicina che non è più disponibile.

Innanzitutto bisogna chiedersi dove vanno a finire queste medicine e perché a un certo punto non si trovino più in farmacia. In base al principio della libera circolazione delle merci sancito dalle leggi comunitarie, le case farmaceutiche possono interrompere la vendita di una medicina in uno stato e iniziarla in un altro.

I grossisti e i distributori di farmaci in generale sono liberi di esportare le medicine, ma il flusso dei farmaci spesso non è chiaro, al punto che c'è un disegno di legge che propone che le farmacie con autorizzazione ad esportare gestiscano in maniera separata la vendita al pubblico e all'ingrosso.

È capitato in anni passati che alcuni farmaci siano spariti al mercato per poi ricomparire con prezzi molto più alti oppure che siano passati dalla fascia A alla fascia C, tuttavia quando i farmaci sono essenziali e non sostituibili per legge devono essere gratuiti.
avvocati in evidenza specializzati in Malasanità / Medicina Legale
Quando in farmacia il farmaco non è disponibile la legge stabilisce che il farmacista lo ordini al grossista che lo dovrà consegnare entro 12 ore.

Se il grossista non riesce a procurare il farmaco entro il tempo stabilito è obbligato a dare al farmacista una giustificazione valida. Il decreto legislativo numero 17 del 19 febbraio 2014 stabilisce che se il grossista non è in grado di dare valida giustificazione, la responsabilità sia della casa farmaceutica che ha 48 ore di tempo per rendere disponibile il medicinale.

Se anche l'azienda produttrice del farmaco non è in grado di renderlo disponibile, deve dare una giustificazione valida e il farmacista è obbligato per legge a segnalare alle autorità competenti la mancanza della medicina.

La legge è chiara, il grossista deve garantire a tutte le farmacie del territorio nazionale la presenza dei farmaci essenziali o di validi equivalenti. I traffici dei farmaci sono una cosa nota: vengono sottratti dal mercato per essere rivenduti in altri paesi a prezzi più alti, a volte legalmente a volte no. Il cittadino ha diritto alle cure essenziali e la farmacia è obbligata dalla legge a segnalare alla Regione la carenza del medicinale.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Malasanità / Medicina Legale
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.