Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Lanciare rifiuti dalla finestra o provocare odori nauseabondi è reato

Lanciare rifiuti dalla finestra o provocare odori nauseabondi è reato
Lanciare rifiuti dalla finestra o provocare odori nauseabondi è reato Gettare la spazzatura nel cortile del condominio o in uno spazio del proprio vicino di casa è reato, così come provocare odori sgradevoli che appestino il quartiere.

Al di là delle comuni regole del buon senso e della civile educazione, si infrange la legge commettendo un reato che prevede il carcere.

Il Getto pericoloso di cose è disciplinato dall'articolo 674 del codice penale.

"Chiunque getta o versa in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone, ovvero, nei casi non consentiti dalla legge, provoca emissioni di gas, di vapori o di fumo, atti a cagionare tali effetti, è punito con l'arresto fino a un mese o con l'ammenda fino a duecentosei euro".

Già in passato i tribunali si sono occupati numerose volte di questioni condominiali e una di queste sentenze risale al 2015.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
Nel caso in questione un uomo aveva gettato ripetutamente spazzatura nel giardino dell’inquilino del piano di sotto, trasformandolo in un vero e proprio immondezzaio.

Il vicino aveva scattato delle fotografie e usufruito di testimoni che avevano confermato la vicenda. La Corte di Cassazione, basandosi sull'articolo 674 del codice penale, ha dato ragione al proprietario del giardino.

Il vicino di casa non ci è stato ed ha presentato ricorso, sostenendo che era stato denunciato esclusivamente per ottenere il risarcimento danni.

Dalla testimonianza di altri condomini e dalle fotografie è emerso che l'uomo aveva lanciato anche oggetti pericolosi, tra cui delle bottiglie, rendendosi così responsabile dal punto di vista penale.

Le foto e le testimonianze sono state sufficienti al giudice, il quale non ha ritenuto necessario verificare che siano stati buttati proprio da lui.

Non è stato colto in flagranza di reato, ma è bastato constatare che l'accumulo di immondizia e di oggetti pericolosi non poteva altro che provenire dal piano di sopra.
avvocati in evidenza specializzati in Condominio
L'inquilino imbrattatore non ha neanche potuto appellarsi al fatto che fosse incensurato e non ha beneficiato della sospensione della pena.

L'imputato non ha offerto garanzie sufficienti riguardo l'astensione dal ripetere la cosa in futuro, anche perché nei suoi confronti erano pendenti altre denunce analoghe e quindi non ha potuto beneficiare della sospensione condizionale della pena.

Nel Getto pericoloso di cose disciplinato dall'articolo 674 rientrano anche gli odori molesti, come è emerso in una sentenza del 2015.

I giudici hanno condannato l’amministratore di una torrefazione per aver diffuso odori nauseabondi nel quartiere.

Anche in questo caso la configurazione del reato si è bastata sulla testimonianza degli abitanti della zona, che avevano denunciato il fatto sostenendo che gli odori erano talmente forti da provocare il vomito durante l'ora di pranzo. 

Chiedi una consulenza legale ad uno dei nostri avvocati esperti.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Condominio
Articoli per Diritto Civile
Ti potrebbe interessare anche...
La consulenza dell'avvocato per un tema sentito in ogni condominio: stendere i panni gocciolanti.
Oneri condominiali in caso di vendita: chi e quanto paga? Risponde l'avvocato online.
Il parere legale: recintare le aree comuni con un cancello non è un'innovazione che necessita della maggioranza qualificata.
L'amministratore di condominio che falsifica il bollettino di versamento dell'acqua è punibile. Ecco perché.
Le norme condominiali circa il rumore: cosa dice l'avvocato online
Il vecchio amministratore non consegna la documentazione del Condominio al nuovo amministratore. Lo studio legale spiega come tutelarsi
Gli avvocati iscritti all’ordine rispondono: è possibile chiedere l’usucapione di una servitù di parcheggio su un'area condominiale?
L'ascensore da posizionare o da ristrutturare in Condominio. Chi decide?
Non tutti i condomini sono stati invitati alla riunione di condominio. La delibera è valida?
Un condomino non paga le spese dell'acqua: è possibile staccare la sua utenza? L’avvocato risponde
Se il regolamento condominiale lo vieta espressamente, non è possibile adibire un appartamento ad affittacamere
L’interesse soggettivo del condomino non può essere leso dall’interesse collettivo di tutti gli altri condomini. Cerca avvocati specializzati in questa materia e richiedi la loro assistenza legale
Le regole del condominio su lavori ordinari, straordinari e innovazioni
L'assemblea condominiale, quanti partecipanti occorrono per approvare le decisioni
Come procedere quando nel condominio vanno fatti lavori importanti
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.