Egregioavvocato Loading...
Loading...
Naviga articoli avvocati per...

Se un condomino distacca la sua utenza dal riscaldamento centralizzato come partecipa alle spese?

Il condomino che stacca la sua utenza dal riscaldamento centrale come paga le spese?
Il condomino che stacca la sua utenza dal riscaldamento centrale come paga le spese? Cosa succede quando un condomino preferisce dividere la propria utenza in un sistema di approvvigionamento termico condominiale di tipo centralizzato?

Le motivazioni riguardo una scelta del genere, spiega lo studio legale, possono essere varie, fra le principali, c’è sicuramente quella che riguarda la liberalizzazione del mercato dell’energia.

Un tempo questo non era possibile in quanto non si era configurato questo tipo di mercato dell’energia, anzi, non vi era alcuna possibilità di scegliere un altro fornitore di energia, in quanto allo stato delle cose, non esisteva affatto fornitore.

Il tempo, insomma, è passato e i tempi sono cambiati anch’essi e con loro le nostre abitudini.
servizi per te da egregioavvocato
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia
 
Vediamo quindi come la legge si è adeguata a questo significativo cambiamento all’interno del mercato di questo tipo di servizi. Il caso dal quale prenderemo spunto è un caso concreto della Cassazione Civile, sezione II, parleremo della sentenza del 30 aprile del 2014, ovvero della sentenza numero 9526.

Con questa la sentenza possiamo constatare che la Suprema Corte ritorna ad occuparsi della problematica del distacco dall’impianto centralizzato di riscaldamento, e quindi si tratta di stabilire quale debba essere il contributo alle spese di esercizio da parte di un soggetto che ha rinunciato ad usufruire del servizio centralizzato del condominio.

La questione è già stata ben discussa e affrontata, al fine di poter riuscire a stabilire quali oneri possano (o sarebbe meglio dire, debbano) essere addebitati al condomino che ha effettuato il distacco dall’impianto condominiale.
avvocati in evidenza specializzati in Condominio
Ecco il testo che ci fa capire qualcosa in più: “Il condomino può legittimamente rinunziare all’uso del riscaldamento centralizzato e distaccare le diramazioni della sua unità immobiliare dall’impianto termico comune, senza necessità di autorizzazione o approvazione degli altri condòmini, e, fermo il suo obbligo di pagamento delle spese per la conservazione dell’impianto, è tenuto a partecipare a quelle di gestione, se e nei limiti in cui il distacco non si risolve in una diminuzione degli oneri del servizio di cui continuano a godere gli altri condòmini” (Cass. civ., sez. VI, sentenza n. 5331/2012).

Se pensi di avere ancora dubbi a riguardo, se cerchi un avvocato o un parere di un avvocato per intraprendere un’eventuale azione legale, vai alla sezione “preventivo avvocato” del nostro portale.
avvocati in evidenza (gratuito patrocinio) specializzati in Condominio
Articoli per Diritto Civile
Ti potrebbe interessare anche...
La consulenza dell'avvocato per un tema sentito in ogni condominio: stendere i panni gocciolanti.
Oneri condominiali in caso di vendita: chi e quanto paga? Risponde l'avvocato online.
Il parere legale: recintare le aree comuni con un cancello non è un'innovazione che necessita della maggioranza qualificata.
L'amministratore di condominio che falsifica il bollettino di versamento dell'acqua è punibile. Ecco perché.
Le norme condominiali circa il rumore: cosa dice l'avvocato online
Il vecchio amministratore non consegna la documentazione del Condominio al nuovo amministratore. Lo studio legale spiega come tutelarsi
Gli avvocati iscritti all’ordine rispondono: è possibile chiedere l’usucapione di una servitù di parcheggio su un'area condominiale?
L'ascensore da posizionare o da ristrutturare in Condominio. Chi decide?
Non tutti i condomini sono stati invitati alla riunione di condominio. La delibera è valida?
Un condomino non paga le spese dell'acqua: è possibile staccare la sua utenza? L’avvocato risponde
Se il regolamento condominiale lo vieta espressamente, non è possibile adibire un appartamento ad affittacamere
L’interesse soggettivo del condomino non può essere leso dall’interesse collettivo di tutti gli altri condomini. Cerca avvocati specializzati in questa materia e richiedi la loro assistenza legale
Le regole del condominio su lavori ordinari, straordinari e innovazioni
L'assemblea condominiale, quanti partecipanti occorrono per approvare le decisioni
Come procedere quando nel condominio vanno fatti lavori importanti
Lanciare rifiuti dalla finestra o provocare odori nauseabondi è reato
 
ACCESSO AREA RISERVATA
Avvocato Email
Avvocato password
Password dimenticata?
Attenzione: controllare la correttezza dei dati inseriti
SEI UN AVVOCATO E VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?
Inviaci una mail e sarai contattato.